Siete in: home page


Diario di viaggio Santorini


Il diario di viaggio che segue, è il continuo di quello meraviglioso fatto a Creta. E allora come non approfittare delle opportunità offerte dalle diverse agenzie cretesi?

- mini crociera di due giorni a Santorini al costo di 99€ con nave super veloce (solo un’ora e mezza di navigazione) , alloggio incluso nel prezzo.
- escursione di un giorno all’ isola di Santorini con traghetto (4 ore di navigazione) al costo di 76€, colazione e cena incluse nel prezzo.

Inizialmente scegliamo la mini crociera di due giorni in modo da poter avere il tempo di visitare l’isola, ma purtroppo i biglietti sono tutti venduti e quindi a malincuore, ma non tanto, prenotiamo l’escursione di un giorno. Si parte il 10-08-07. L’imbarco è alle 7.00 del mattino dal porto di Heraklion, saliti a bordo, subito ci rechiamo nella sala ristorante per fare un’abbondante colazione. Effettuata quest’ultima, ci rechiamo in una delle tante sale della nave dove ci danno qualche informazione sull’isola, gli orari da rispettare ed un’eventuale visita guidata dell’isola al costo aggiuntivo di 26€. L’escursione consiste nello sbarcare al porto di Athinos e visitare il tranquillo e pittoresco villaggio dell’entroterra: Pyrgos. Successivamente con un autobus si raggiunge Oia, il paesino più emblematico e suggestivo di Santorini. Ovviamente sto parlando delle fantastiche case bianche e blu e dei panorami mozzafiato. L’escursione si conclude a Fira, capoluogo dell’isola, anch’esso molto bello e suggestivo. L’alternativa all’escursione, è la sola visita di Fira.
Troppo provati dalle fatiche del viaggio, ed eccitati all’idea di andare in giro da soli, decidiamo di non fare l’escursione. Arriviamo al porto di Fira, con un’ora di ritardo! Per raggiungere il paese che si trova in alto della collina ci sono tre soluzioni:
1) andare a piedi
2) salire con i muli
3) prendere la teleferica
Optiamo per quest’ultima e dopo mezz’ora di fila giungiamo finalmente in paese. Il panorama che si vede dall’alto è bellissimo; c’è una vista favolosa! Il centro della città, si snoda in un dedalo di viottoli acciottolati, vecchie arcate, chiese ortodosse dal tetto blu e terrazze a strapiombo sul mare. Cominciamo a girare per i vicoletti della capitale, un mix tra Capri e Positano.
Santorini: Fira
Santorini: Fira
C’è tanta gente e fa caldissimo ma, nonostante ciò, non demordiamo ed inizia la folle spesa di ricordini nei tanti negozietti. Gli stretti vicoli sono dedicati unicamente al passeggio, sono pieni di negozi, gioiellerie, taverne, ristoranti, bar e discoteche. Dopo una piccola passeggiata, decidiamo di recarci ad Oia, ma dopo un’attesa alla stazione degli autobus di circa trenta minuti ci dicono che il successivo autobus sarebbe partito dopo altri trenta. Per noi il tempo è denaro e per non sprecarlo decidiamo di prendere un taxi. Tutti finiti, così, con delusione, decidiamo di dedicarci solo alla visita del capoluogo. Per chi soggiorna sull’isola, l’ideale è noleggiare uno scooter per girare l’isola di giorno e passeggiare di sera. Dopo aver fatto un pranzo veloce inizia la nostra passeggiata sull’isola più bella dell’Egeo.
Un po’ come tutti siamo rimasti delusi dal poco tempo avuto a disposizione. La gita parlava di sei ore sull’isola ma in realtà tra ritardi e difficoltà varie, siamo rimasti sull’isola solo tre ore e mezza e per questo non abbiamo potuto vedere molto di Santorini. L’isola è bella, ma ci vuole del tempo per visitarla!
Giunto il tempo di tornare sulla nave e vista la lunghissima fila di gente in attesa della teleferica, decidiamo di affrontare la discesa verso il mare a dorso dei muli; esperienza a tratti divertente a tratti terrorizzante! La strada percorsa dai “poveri muli”, costretti sotto il sole cocente a salire ed a scendere le interminabili scale che collegano il porto di Fira con la città, è la stessa che percorrono le persone a piedi. Visto che i muli quando camminano non chiedono “permesso” e visto che alcuni solo legati tra loro, spesso ci è capitato di scontrarci con i pedoni o con altri muli che salivano, rasentando i muretti bassi di cemento. A volte mi sembrava quasi di precipitare………insomma è stata quasi una tragedia ma la sera in albergo ne abbiamo riso di cuore.
Risaliti a bordo, abbiamo giusto il tempo di rilassarci un po’ e tirare le somme su questa frenetica avventura, prima di andare a cena.
Sicuramente mi sento di non consigliare la crociera di un giorno. Il costo del biglietto è elevato rispetto a tutto ciò che è stato offerto, per non parlare del poco tempo avuto a disposizione, 8 ore di navigazione e solo tre e mezza per visitare Santorini. Se ne avete la possibilità, per chi come noi si trovava a Creta e voleva vedere Santorini, conviene prenotare in anticipo le mini crociere di due giorni. Esperienza sicuramente più rilassante e poi per 20 euro in più avrete la possibilità di vedere una dei tramonti più belli al mondo, vivere la famosa vita notturna della capitale e perché no fare il bagno in una delle meravigliose spiagge dell’isola.

Mappa del sito
Mappa del sito